Fossalto (CB), una perla del medio Molise

Fossalto, splendido borgo posto in provincia di Campobasso, oltre che essere ricordato per aver visto nascere il poeta Eugenio Cirese e aver dato i natali all’intellettuale futurista Giuseppe Folchi, è una deliziosa meta turistica.

Adagiato dolcemente su di una altura, Fossalto spicca, per essere al centro di una verdissima valle, e per essere circondato da antichissime contrade. Dato, quindi, che è posto a poco più di cinquecento metri sul livello del mare, Fossalto è celebre per la sua salubre aria e per proporre meravigliosi panorami naturali. Una meta turistica, pertanto, ricca di tradizioni e di folclore popolare.

In antichità, questo fantastico borgo molisano era stato suddiviso in due nuclei, ovvero Castelluccio e Fossaceca, entrambi alle dipendenze di Limosano. Le sue possenti fortificazioni e torri furono smantellate quando Fossalto divenne feudo nel XVIII secolo.

Cosa vedere a Fossalto

Oggi, a testimoniare la fierezza dell’antico borgo, si può ammirare la stupenda Torre Ciarlitto, indomito manufatto risalente al XIV secolo. Posta a protezione di quello che era il Palazzo Baronale, adesso si presenta con una interessante pianta circolare. Attualmente residenza signorile, offre, anche la visione, di una incredibile Edicola dedicata a San Nicola.

Altra bellezza architettonica che si può ammirare a Fossalto è la sua Chiesa, di chiara influenza barocca. Scenograficamente si propone al turista con una pianta longitudinale e una unica navata. Al suo interno, di particolare pregio, poi, è conservato un opera del Santo, un dipinto che venne realizzato nella seconda metà del 1600. Al fianco della chiesa, invece, sorge maestoso il suo campanile, opera che venne realizzata nel 1866.

Dove mangiare a Fossalto

Oltre che proporre magnifici esempi di arte e cultura, offrire un territorio paesaggistico, una natura esplosiva, Fossalto propone, anche, una ottima cucina.

Per degustare le ottime specialità tradizionali del luogo si suggerisce di fare tappa, proprio a ridosso del centro storico, al Bar/Pizzeria “Nonno Peppe”, un locale dove si può mangiare (ma anche asportare) ad ottimi prezzi della gustosissima pizza servita direttamente dai due titolari Agnese e Carlo. La pizzeria, che fa anche parte del circuito Slow Food, non è molto grande quindi è sempre un’ottima idea tenere a portata di mano il suo numero di telefono – cell. 333 56 08 921 – per avvisare che si sta per arrivare ed avere così assicurato un buon tavolo.

Annunci

Premio di poesia promosso da Associazione I Love Molise

L’Associazione I Love Molise (AILM), la cui sede è a Sant’Elena Sannita, borgo in provincia di Isernia, ha promosso la prima edizione del premio di poesia “Suggestioni Molisane”.

Si tratta di un concorso nazionale aperto a tutti i poeti italiani e non. Iscrizione gratuita. Inviare il testo a associazioneilovemolise@hotmail.com

La partecipazione è gratuita ed è aperta a tutti coloro che abbiano origini molisane o meno. L’unico punto fermo è che si deve trarre ispirazione dalla stupenda regione qual è il Molise.

Dalla costa all’alta montagna, scorrendo per colli dolci non di rado sormontati da deliziosi paesini, gli antichi mestieri, personaggi che rappresentano l’anima di questa bellissima parte d’Italia: non mancano di certo spunti per far scaturire dal proprio cuore e mente un componimento poetico.

Sono ben accetti poeti di ogni età e che risiedano in qualsiasi parte del mondo. Una sezione può essere anche in lingua straniera: sono tantissimi i molisani sparsi per il mondo e sono numerosissimi i loro discendenti che amano la terra dei loro nonni o genitori.

Lo scopo dell’AILM è quello di promuovere, valorizzare e salvaguardare il territorio di questa regione così importante per il suo alto valore storico, artistico, culturale, folcloristico, paesaggistico. Una terra splendida e ancora in gran parte incontaminata e purtroppo poco nota non solo all’estero, ma anche a gran parte degli italiani.

Un glorioso passato da cui trarre ispirazione per uno fulgido futuro. E questa la finalità dell’Associazione I Love Molise che vuol essere un punto di riferimento per tutti coloro che amano questa regione tra monti, colli e mare. I Love Molise nasce per iniziativa di 2 giornalisti di Roma – Fosca Colli e Marco Baroni – che hanno deciso di trasferirsi a Sant’Elena Sannita innamorati degli scenari stupendi che comprendono anche le vette ora innevate ora verdissime del Matese.

Si potranno inviare fino ad un massimo di 3 poesie. Si dovranno indicare: nome e cognome, luogo di residenza e recapito e-mail. Inoltre, si dovrà allegare una liberatoria indicando espressamente la cessione dei Diritti d’Autore dell’opera (la/e poesia/e) per l’eventuale pubblicazione a mezzo telematico (Internet) o cartaceo dei/l componimento/i.

Nessuna quota di iscrizione è prevista per la partecipazione al concorso nazionale dal titolo “Suggestioni Molisane” e nessun diritto di natura economica potrà essere vantato da chi partecipa al concorso in questione, anche a seguito di pubblicazione della/e propria/e poesie.

Verrà escluso dal concorso chi non indicherà espressamente la cessione dei Diritti d’Autore dell’opera (la/e poesia/e) per l’eventuale pubblicazione a mezzo telematico (Internet) o cartaceo dei/l componimento/i.

I termini scadono il 31 settembre 2017.

Inviare Associazione I Love Molise / AILM

e-mail: associazioneilovemolise@hotmail.com

Pagina Facebook www.facebook.com/AssociazioneILoveMolise/

L’Associazione I Love Molise a Roccamandolfi per il rilancio del Turismo

Ha preso parte al convegno “Che Idee per il Turismo”

Anche l’Associazione I Love Molise (AILM) ha preso parte al convegno “Che Idee per il Turismo” che si è svolto a Roccamandolfi il 19 aprile scorso. Un appuntamento e che ha visto una folta partecipazione da parte di esponenti del mondo delle associazioni culturali e ricreative, pro loco, universitario e politico. Al centro del tavolo ha preso posto Vincenzo Cotugno, Presidente del Consiglio Regionale del Molise, affiancato da Maurizio Varriano – promotore dell’evento – e dal sindaco di Roccamandolfi Giacomo Lombardi. Presenti esponenti provenienti da tutto il Molise e da Regioni limitrofe. Il borgo di Sant’Elena Sannita (Is) è stato rappresentato dall’Associazione I Love Molise. Nell’ex Cappella di San Gaetano si sono succeduti gli interventi. Il primo a prendere la parola è stato il Sindaco Lombardi che, con giustificato orgoglio, ha evidenziato gli sforzi fatti dalla sua Amministrazione per Roccamandolfi; ha inoltre detto che è importante coordinare gli sforzi di tutte le realtà molisane per arrivare ad uno sviluppo turistico regionale armonico ed ha fatto appello alla Regione affinché vengano stanziate risorse economiche.

Varriano, da parte sua, ha sollecitato la creazione di un Osservatorio Turistico anche in Molise e ha invitato tutti a elaborare progetti in tal senso. Concetti recepiti appieno dall’Associazione I Love Molise che chiesto al Presidente del Consiglio Regionale Cotugno di attivarsi sia in seno alla Regione Molise sia a livello Governativo per far sì che venga varata una Legge o quanto meno iniziative in modo che i centri storici dei borghi del Molise possano scongiurare l’emorragia dei residenti creando opportunità di lavoro; e questo puntando soprattutto a far sì che edifici “storici”, ma in ottime condizioni, possano ospitare Bed and Breakfastsenza i nefandi vincoli della “abitabilità”: “Solo così i giovani e anche quelle persone in là con gli anni – ha detto il Presidente di Associazione I Love Moliseavranno un modo per poter svolgere un’attività, seppur non propriamente imprenditoriale, rimanendo nel borgo dove da sempre vivono e vivevano i loro avi. Anche i giovani si sentiranno maggiormente motivati e i Borghi potranno così affrire un turismo di qualità e non del tipo mordi e fuggi. Ne gioverà anche l’intero borgo, in quanto con l’arrivo di turisti e i residenti di “ritorno” potranno aprirsi altre attività, come anche ristorantini e negozi di artigianato e non solo”.

Associazione I Love Molise, un faro sulla Regione

Un nuovo organismo è sorto sul panorama turistico/culturale molisano. Si tratta dell’Associazione I Love Molise (AILM), la cui sede è a Sant’Elena Sannita, piccolo e ridente borgo in provincia di Isernia.

Lo scopo dell’AILM è quello di promuovere, valorizzare e salvaguardare il territorio di questa regione così importante per il suo alto valore storico, artistico, culturale, folcloristico, paesaggistico. Una terra splendida e ancora in gran parte incontaminata e purtroppo poco nota non solo all’estero, ma anche a gran parte degli italiani.

Un glorioso passato da cui trarre ispirazione per uno fulgido futuro. E questa la finalità dell’Associazione I Love Molise che vuol essere un punto di riferimento per tutti coloro che amano questa regione tra monti, colli e mare.

I Love Molise nasce per iniziativa di 2 giornalisti di Roma – Fosca Colli e Marco Baroni – che hanno deciso di trasferirsi a Sant’Elena Sannita innamorati degli scenari stupendi che comprendono anche le vette ora innevate ora verdissime del Matese. Hanno coinvolto nel loro progetto numerose persone anche in altre parti del Bel Paese, così da poter cercare di catalizzare al massimo l’attenzione sul Molise e quel che ha da offrire.

È in cantiere un ventaglio di iniziative. La prima in programma è la partecipazione a Roccamandolfi, il prossimo 19 aprile alle ore 18,00, presso la sala del centro parrocchiale ad un incontro indetto dall’Associazione Borghi D’Eccellenza con le varie realtà molisane.

Associazione I Love Molise / AILM

e-mail: associazioneilovemolise@hotmail.com

Tel. 368.3961812

Sede: Piazzetta Achille Verdile, 6

86095 – Sant’Elena Sannita (Isernia)

Molise, un’oasi nel cuore d’Italia

moliseMolise, un’oasi nel cuore d’Italia. Il Molise è una delle più piccole e più belle regioni italiane, meravigliosamente incastonata tra l’Abruzzo, il Lazio, la Campania e la Puglia.

Se sei alla ricerca di un tour fuori dai sentieri battuti, il Molise è quello che fa per te. Viaggiare in Molise non è semplicemente visitare un luogo diverso, ma si tratta di un viaggio nel tempo.

Potrai ammirare bellissimi paesaggi incontaminati, potrai incontrare persone genuine, potrai scoprire paesini arroccati sulle colline che nascondono tesori che non ci si aspetterebbe di poter ammirare.

La bellezza, la cordialità, l’ospitalità, la generosità della sua gente, i sapori, la natura e i suoi magici colori, le ancestrali tradizioni, fanno del Molise una delle mete di villeggiature più ambite per chi cerca una regione rilassante e tranquilla, a dimensione umana.

Lucito (CB), viaggio nel cuore verde del Molise e una tappa gustosa!

molise-bar-biferno

Il Bar Biferno, tappa ideale per visitare Lucito (CB)

Quando si viaggia per turismo o anche per lavoro lungo le strade del Molise, niente di meglio che una tappa ritemprante per rilassarsi e anche per mangiare e bere qualcosa di gustoso.

Se si sta percorrendo la superstrada Bifernina SS 647 c’è un punto di ristoro, al chilometro 40 direzione Termoli, che non si può di certo ignorare. Qui se ne parla non per fare della mera pubblicità, ma perché noi di “Turismo in Molise” abbiamo avuto modo di fare una piacevole sosta qui e ne siamo rimasti più che soddisfatti.

Si tratta del “Bar Biferno” che si trova in località Lucito (in provincia di Campobasso) è ben più che un semplice bar, visto che si propone quale “self buffet”. All’esterno c’è un comodo e ampio parcheggio e delle aree per riprendersi dal viaggio circondati da rigogliosi boschi e aree verdi.

All’interno, l’attenzione viene subito richiamata da una appetitosissima vetrina dove a farla da padrona sono dei panini farciti che sono in grado di saziare anche il viaggiatore più affamato. Si può mangiare in piedi oppure accomodarsi per assaporare il maxi sfilatino. Al bancone il servizio è di prima classe. Un the non viene, ad esempio, servito con una triste tazza e un filtro buttato lì senza grazia: piuttosto viene servito con delle belle stoviglierie con classe e raffinatezza, accompagnati anche da un pasticcino.

Potrebbe sembrare nulla di particolare, ma non è così. Infatti tratti di stile e di attenzione per il cliente è difficile trovarli presso strutture ricettive che si trovano non in un centro storico, bensì lungo una superstrada a traffico veloce. L’impronta positiva e l’amore per loro locale rispecchia le belle persone che sono i loro gestori. Ecco perché non possiamo non suggerire di fermarsi al “Bar Biferno”.

Approfittare di una sosta per poi visitare la splendida Lucito

molise-lucitoPosto comodamente raggiungibile e dotato di un ampio parcheggio, il Bar Biferno, risulta essere un perfetta tappa per rifocillarsi e andare a visitare la stupenda Lucito. Non per nulla, il Bar Biferno, oltre che essere pulitissimo, propone degli ottimi panini farciti, come pure una ampia e vasta scelta di dolci per fare una ottima colazione o merenda. Dal tocco elegante, raffinato e accogliente, il Bar Biferno è gestito in maniera davvero familiare.

Quando si entra, ci si sente, infatti, come se si fosse a casa propria. Il servizio è eccellente e ogni avventore avrà la possibilità di scegliere tra una ampia scelta di panini riccamente farciti e finemente preparati, ove si nota subito la qualità dei prodotti utilizzati. È da constatare anche che l’attenzione nei confronti dei clienti, ha fatto sì che i celiaci possono trovare presso il Bar Biferno un perfetto punto di ristoro.

Una volta riprese le energie, quindi, ci si potrà recare a visitare la vicina Lucito, incantevole borgo di chiara origine longobarda. La splendida Chiesa dedicata a San Nicola di Bari è uno dei gioielli che Lucito riserva a tutti i suoi visitatori. La chiesa venne edificata nel Trecento sopra quelli che erano le rovine di monastero appartenente all’ordine benedettino intitolato a Santa Maria al Plasinium.

Nel 1456, a seguito di un forte terremoto, la chiese subì numerosi danni. Nel 1566, nelle sue forme rinascimentali, venne riconsacrata. Nel 1805 un nuovo catastrofico terremoto scosse la chiesa, la quale venne completamente restaurata nel 1897. La sua attuale foggia è neoclassica e, nella sua cappella di destra, si ammirano affreschi di pregiata fattura. Formata da tre navate, propone un rinascimentale campanile decorato da una cuspide che è a cipolla.

Altro pregevole regalo di Lucito è il Palazzo Capecelatro, il quale era in origine un castello risalente al periodo medievale. Nel 1655 venne acquistato dalla famiglia Capecelatro, la quale lo trasformò in una elegante residenza baronale. Il palazzo si sviluppa con una pianta rettangolare e si innalza in due piani inferiori ed uno nobile, ove spiccano, agli esterni, stupendi stemmi antichi. Terminata la visita, una nuova tappa al il Bar Biferno, che si trova al chilometro quaranta della Strada Statale 647 Bifernina a poca distanza da Lucito, consentirà di concludere la giornata in maniera splendida, degustando una delle tante saporite, stuzzicanti e specialità proposte dal Bar Biferno.

OLIO – Quando l’Eccellenza è a portata di mano

sito marinucci palermo

Olio di elevatissima qualità, olio italiano, olio molisano. Queste, in estrema sintesi le credenziali dell’oleificio Marinucci Palermo di Rotello, in provincia di Campobasso.

La tradizione della azienda olearia Marinucci Palermo, affondano profondamente, come le radici dei suoi splendidi esemplari di ulivo.

È dalla seconda metà del secolo scorso, che la nota azienda olearia Marinucci Palermo produce dell’olio di rara ed ottima qualità. Non per nulla, l’azienda è una delle eccellenze del made in Italy.

Olio 1Seimila piante di ulivo che si estendono su un magnifico territorio che si sviluppa per 35 ettari, sono la base della produzione della rinomata azienda olearia Marinucci Palermo.

Un gioiello collocato in Molise, una regione il più delle volte a torto dimenticata.

Tra le varietà proposte, vi è il Gentile di Larino, la Rosciola di Rotello, la Cellina di Rotello e la Nera di Colletorto.

Tutti oli naturali, prodotti secondo le più rigide normative, in rispetto delle leggi, il tutto salvaguardando le solide tradizioni. Orgogliosi dei successo fino ad oggi ottenuto, lo staff dell’azienda olearia Marinucci Palermo guarda con fiducia il futuro aziendale, coscienti di poter offrire un prodotto di eccellenza, un olio che è chiaramente di categoria superiore e ottenuto esclusivamente dalle olive.

Visitando il sito www.marinuccipalermo.it, si potrà avere una migliore e più ampia panoramica della produzione di questa dinamica e poliedrica azienda molisana.

Incontro con Giuseppe Terriaca, Sindaco di Sant’Elena Sannita (IS)

Giuseppe Terriaca, Sindaco di Sant'Elena Sannita (IS)

Giuseppe Terriaca, Sindaco di Sant’Elena Sannita (IS)

Sant’Elena Sannita è uno dei quasi sessanta comuni che si trovano in Molise in provincia di Isernia. Posto a quasi ottocento metri sul livello dal mare, vi vivono stabilmente circa trecento persone, per lo più anziani.

Infatti, i giovani, che un tempo erano numerosi, oggi sono andanti a cercare fortuna in altre città. La piaga dell’emigrazione, infatti, colpisce ancora duramente.

Come una sorta di buon padre di famiglia, l’incantevole borgo di Sant’Elena Sannita è amministrato, in qualità di Sindaco, da Giuseppe Terriaca, il quale, con grande affabilità ci accoglie nel suo studio.

Seppure celati da professionali occhiali, dagli occhi del sindaco, traspare una sorta di dolore interno, dolore dettato, come poi evidenziato nel corso della più che piacevole chiacchierata, dalla fredda e spietata burocrazia.

Si comprende immediatamente che Giuseppe Terriaca, animato da buoni propositi, si sente le mani legate non tanto da aspetti politici dettati dalle solite diatribe tra consiglieri comunali di maggioranza e di minoranza, ma proprio dal peso della burocrazia amministrativa.

Sant'Elena Sannita dall'altoCon una pianta organica ridotta all’osso, anche per esigenze economiche, Giuseppe Terriaca, confessa, e questo senza alcuna forma di voler apparire come il Salvatore, che il più delle volte deve mettere mano al proprio portafoglio per far fronte ad esigenze amministrative. Lo dice con pacatezza, ma la nota di amarezza traspare immediatamente quando ricorda che alle volte capita che questa sua buona volontà ulteriore, naufraga nel mare della burocrazia.

Infatti, come poter giustificare una uscita di spesa se l’economato ha il portafoglio vuoto? Paradossi che si
possono riscontrare quotidianamente.

Pur tuttavia, il volto aperto e rasserenante del sindaco Giuseppe Terriaca si illumina, in maniera più che giustificata, quando, con motivato orgoglio parla del noto Museo del Profumo che è stato inaugurato a Sant’Elena Sannita nel 2014 e che di Sant’Elena Sannita è il fiore all’occhiello.

museo del profumo

Museo del Profumo

Certo, di fronte alle pressanti notizie di più ampio respiro tutto ciò potrebbe apparire come una nota marginale, ma di fronte a quella che è la realtà storica, economica e culturale del borgo di Sant’Elena Sannita, appare come i raggi di una fulgida alba piena di speranze.

Sono davvero tante le storie, le difficoltà e le aspettative di questo Comune che giustamente non vuole morire sotto il peso di una arida burocrazia.

Forse Giuseppe Terriaca potrà apparire con un antico cavaliere senza macchia e senza paura, armato di buona volontà e capacità che tenta, con trepidante orgoglio, di combattere le tenebre che circondano questo ridente e splendido borgo al centro del Molise. La chiacchierata è solo all’inizio, vi aggiorneremo presto.

Sant’Elena Sannita (IS), il Paese del Profumo

Sant'Elena SannitaSe un turista, un viaggiatore volesse cercare il perché visitare Sant’Elena Sannita, in provincia di Isernia, rimarrebbe alquanto sorpreso nel constatare quanto una località abitata da poco più di 200 abitanti, posta a quasi 800 metri di altezza nel cuore del Molise, è in grado di poter proporre e offrire.

Ma, se si è alla ricerca PROSEGUI LA LETTURA

Il Molise concede sempre indimenticabili immagini

Molise_bagnoliIl Molise concede sempre indimenticabili immagini. Tanto la fauna quanto la flora in virtù della varietà proposta dal territorio molisano, propongono sempre degli incredibili spunti creativi che consentono di poter bloccare in un istantaneo momento quello che sono attimi di una vita quotidiana.

La natura in tutto questo diventa una fedele alleata, una deliziosa complice con la quale potrai facilmente catturare immagini affascinanti e  Leggi il resto di questa voce

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: